Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies tecnici. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy

Negli adolescenti si delineano modelli alimentari che spesso non includono un adeguato apporto di frutta e verdura e prodotti lattiero caseari

  
Menu

Adolescenza: attenzione alle nuove abitudini alimentari!

Adolescenza: attenzione alle nuove abitudini alimentari!

Il mio ruolo di nutrizionista trova ampia applicazione pratica in casa, con le mie figlie. Da mamma mi rendo conto di come le esigenze, i gusti , le preferenze siano costantemente in evoluzione. In questo periodo  ci stiamo addentrando in quella che per molti aspetti è la fase della vita più fragile e vulnerabile: l’adolescenza.

Negli adolescenti  si delineano modelli alimentari che spesso non includono un adeguato apporto di frutta e verdura e prodotti lattiero caseari ma tendono a includere un aumento del numero di spuntini, dei pasti fuori casa (spesso consumati nei fast food) oppure delle bevande zuccherate ad alto contenuto calorico. Tutto questo riduce in maniera considerevole la qualità dei loro pasti e favorisce lo sviluppo dell’obesità.

I cambiamenti ormonali a cui sono soggetti li porta ad avere condizioni di stress, che sembra stimolare il consumo dei così detti “confort foods”, cibi ad alto contenuto calorico per dell’elevato tenore di zuccheri e grassi. Lo stress può quindi cambiare l’appetito , riducendolo o aumentandolo, orientando la scelta i verso alimenti più malsani.

L’occhio attento delle famiglie sulla qualità e quantità di cibo introdotto può essere un valido strumento per aiutare i nostri  ragazzi ad orientarli verso uno stile di vita sano.

All’atto pratico però si è notata l’incapacità, in un vasto numero di adolescenti, di descrivere correttamente il loro regime alimentare. Ciò dipende da vari fattori, come ad esempio la loro paura di aumentare di peso e l’insoddisfazione della propria immagine corporea .In particolare, gli adolescenti in sovrappeso/obesi, tendono a dare un’indicazione della propria giornata alimentare contenente un introito calorico più basso rispetto a quello che normalmente consumano.

Le scelte alimentari dei giovani non influenzano solo la loro salute e l’aspetto fisico se consideriamo che l’adolescenza rappresenta un importante periodo per lo sviluppo delle funzioni cognitive.

E’ noto che l’attività fisica aumenta la capacità di attenzione ma si è osservato che anche  alcuni modelli alimentari , come ad esempio la Dieta Mediterranea ,sono associati ad un migliore sviluppo delle funzioni esecutive. Il corretto consumo di PUFA (acidi grassi polinsaturi) e di fibra, di cui la nostra dieta è ricca, migliorano le prestazioni cognitive. Al contrario si è visto che, un modello alimentare di tipo occidentale, porta a ridurre queste capacità,in particolar modo l’attenzione visiva.

In generale quindi, un modello dietetico più sano è associato a una migliore capacità di attenzione durante l’adolescenza.

Bibliografia:

1) Tineke De Vriendt , Els Clays, Inge Huybrechts, Ilse De Bourdeaudhuij, Luis A. Moreno, Emma Patterson, De´nes Molna´r, Marı´a I. Mesana, Laurent Beghin, Kurt Widhalm, Yannis Manios and Stefaan De Henauw on behalf of the HELENA Study Group

European adolescents’ level of perceived stress is inversely related to their diet quality: the Healthy Lifestyle in Europe by Nutrition in Adolescence study. British Journal of Nutrition (2012)

Dott.ssa Elisa Mignani

 

 

2) Silvia Bel-Serrat, Cristina Julián-Almárcegui, Marcela González-Gross, Theodora Mouratidou, Claudia Börnhorst, Evangelia Grammatikaki, Mathilde Kersting, Magdalena Cuenca-García, Frederic Gottrand, Dénes Molnár, Lena Hallström, Jean Dallongeville, Maria Plada, Romana Roccaldo, Kurt Widhalm, Luis A. Moreno, Yannis Manios, Stefaan De Henauw, Catherine Leclercq, Stefanie Vandevijvere, Sandrine Lioret, Bernard Gutin and Inge Huybrechts

Correlates of dietary energy misreporting among European adolescents: the Healthy Lifestyle in Europe by Nutrition in Adolescence (HELENA) study. British Journal of Nutrition (2011)

 

 

3) Pontus Henriksson, Magdalena Cuenca-García, Idoia Labayen, Irene Esteban-Cornejo, Hanna Henriksson, Mathilde Kersting, Jeremy Vanhelst, Kurt Widhalm, Frederic Gottrand, Luis A. Moreno and Francisco B. Ortega on behalf of the HELENA study group.

Diet quality and attention capacity in European adolescents: the Healthy Lifestyle in Europe by Nutrition in Adolescence (HELENA) study. British Journal of Nutrition (2017)

LoginAccount